CONTRATTI DI APPALTO E DI CONCESSIONE “COMMISSARIATI”: QUINTE LINEE GUIDA ANAC SULLA DEFINITIVA DESINAZIONE DEGLI UTILI ACCANTONATI AI SENSI DELL’ART. 32 D.L. 90/2014

Con il Provvedimento del 16 ottobre 2018, emanato dal Ministero dell’Interno di concerto con l’Anac (in G.U.R.I. n. 254 del 31 ottobre 2018), sono state approvate le “quinte Linee guida per la gestione degli utili derivanti dalla esecuzione dei contratti…

Leggi tutto

APPALTI, LA MANOVRINA HA RESTITUITO ALL’ANAC POTERI ADEGUATI E NON ECCESSIVI

La legge n. 96/2017 (c.d. manovrina) dedicata alla materia finanziaria, ha risolto il vulnus segnalato dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) in merito ai poteri che le erano stati attribuiti con il D.Lgs n. 50/2016 all’articolo 211 del Codice dei contratti pubblici. In altre parole, la modifica restituisce a Cantone parte di quei poteri che erano stati tolti all’Autorità col “decreto correttivo” (D.Lgs. n. 56/2017).
Leggi tutto

EMILIA PISELLI RELATORE DEL CONVEGNO “SISMA: 100.000 CANTIERI PER RICOSTRUIRE IL FUTURO. CODICE APPALTI 2.0: COSA CAMBIA PER LE IMPRESE”

Il 21 giugno u.s. l'Avv. Emilia Piselli è interventuta all'evento gratuito "Sisma: 100.000 cantieri per ricostruire il futuro. Codice appalti 2.0: cosa cambia per le imprese" organizzato da Linea Appalti in collaborazione con Ance Ancona. Ulteriori informazioni info@lineaappalti.it
Leggi tutto

PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO CORRETTIVO DEL CODICE APPALTI

A quasi tre settimane dall'approvazione da parte del Consiglio dei Ministri, è stato finalmente pubblicato sul S.O. n.22 alla Gazzetta Ufficiale n.103 del 5 maggio 2017 il Decreto Legislativo 19 aprile 2017, n. 56 “Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.“ Il provvedimento entrerà in vigore il 20 maggio.
Leggi tutto

APPALTI E REATI: VERIFICA DEI REQUISITI NELLE SOCIETÀ CON MENO DI QUATTRO SOCI

Nella recente sentenza del 23 giugno 2016, n. 2813, il Consiglio di Stato si è occupato dell’interpretazione della normativa sui requisiti di ordine generale nel particolare caso disciplinato all’art. 38, comma 1, lett. c), del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, laddove (similmente all’art. 80, comma 3, del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50), impone alle S.A. la verifica della sussistenza della causa di esclusione per sentenza di condanna irrevocabile anche nei confronti “degli amministratori muniti di potere di rappresentanza o del direttore tecnico o del socio unico persona fisica, ovvero del socio di maggioranza in caso di società con meno di quattro soci, se si tratta di altro tipo di società o consorzio”.
Leggi tutto
  • 1
  • 2