skip to Main Content

SETTORI ECONOMICI
Costruzioni
Energia e sviluppo sostenibile
Real Estate
Trasporti
Sanitario, farmaceutico e biotecnologie

SEDE
Roma

LINGUE
Italiano, inglese

BIOGRAFIA
Laureato in giurisprudenza presso la Sapienza Università di Roma nel giugno 2015 con tesi in diritto romano sulla “manumissio vindicta”, cattedra Prof. Oliviero Diliberto.
Nel dicembre del 2018 ha conseguito il master di secondo livello in tutela della privacy, focalizzato, in particolare, sul Regolamento UE 679/2016.

Ha svolto la pratica forense presso lo studio Michele Bonetti & Partners, occupandosi di diritto amministrativo e diritto del lavoro e in particolare di pubblico impiego e concorsi pubblici.

Da maggio 2018 collabora con lo studio legale Piselli & Partners e, nello specifico, con il dipartimento di amministrativo, ove ha esteso il proprio ambito di competenze ai settori della contrattualistica pubblica e dell’urbanistica.

Dal 2019 è iscritto all’Albo degli Avvocati di Roma.

News

ILLECITI PROFESSIONALI E ONERI DICHIARATIVI: LE NOVITA’ DELLA LEGGE DELEGA

Approfondimento a cura dell’Avv. Patrizio Giordano   La delega al governo in materia di contratti pubblici, adottata con L. n. 78/2022, ha fissato importanti principi e criteri direttivi riguardanti gli illeciti professionali, attualmente disciplinati dalle lettere c, c-bis e c-ter del comma 5 dell’art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016. L’obiettivo dichiarato della legge delega, che…

SUL CONFLITTO D’INTERESSE DEGLI AFFIDATARI DI INCARICHI DI PROGETTAZIONE

Il commento a cura dell’ Avv. Patrizio Giordano e  delle Dott.ssa Silvana Cirillo   Il T.A.R. Lazio, sede di Roma, in una recentissima sentenza, si è pronunciato in merito alla fattispecie di conflitto d’interessi prevista dal combinato disposto degli artt. 24 comma 7 e 42 del Codice dei contratti pubblici. Nel caso di specie, la…

L’INAMMISSIBILITÀ DELL’AVVALIMENTO SOVRABBONDANTE

Il commento a cura degli Avv.ti Daniele Bracci e Patrizio Giordano   La Sezione V del Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 4208 del 1° giugno 2021, ha ribadito l’inammissibilità del c.d. avvalimento sovrabbondante. Quest’ultimo ricorrerebbe quando il ricorso all’istituto disciplinato dall’art. 89 del D.Lgs. n. 50/2016 non sarebbe in realtà necessario ai fini…

Back To Top
Cerca