vai al contenuto principale

VERSO L’EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO MICA: PROSSIMI SCENARI NELLA REGOLAZIONE DEI CRYPTO-ASSET

Il commento a cura dell’Avv. Luca D’Agostino

 

Lo scorso 20 aprile 2023 il Parlamento Europeo ha finalmente approvato il testo del nuovo Regolamento MiCA sui mercati in cripto attività. L’iter legislativo si concluderà in via definitiva con la votazione al Consiglio UE, a cui farà seguito la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. Ad ogni modo, secondo quanto si apprende dalla versione provvisoria, esso sarà applicabile decorsi diciotto mesi dalla data di entrata in vigore (presumibilmente dai primi mesi del 2025).

A partire dalla proposta presentata dalla Commissione nel settembre 2020, il Regolamento è stato oggetto di un ampio dibattito, culminato nell’accordo interistituzionale di qualche mese fa. Esso introduce norme uniformi in relazione agli obblighi di trasparenza e informativa per l’emissione e la negoziazione di cripto-attività, disciplinando la vigilanza, la governance e l’organizzazione degli emittenti di token di pagamento, utility token e stablecoin. Si prevedono, inoltre, disposizioni a tutela dei consumatori (es. requisiti informativi sulle caratteristiche delle criptoattività e sull’emittente), nonché misure volte a prevenire gli abusi di mercato nelle settore delle cripto-attività.

La normativa non troverà invece applicazione per quelle criptoattività che rientrano nella definizione di strumenti finanziari, già disciplinate da altri atti dell’Unione Europea (es. Regolamento 2022/858 relativo a un regime pilota per le infrastrutture di mercato basate sulla tecnologia a registro distribuito; Direttiva 2014/65 relativa ai mercati degli strumenti finanziari).

Come sottolineato nei pareri resi dall’EBA e dall’ESMA, l’attuale quadro normativo dell’Unione risulta inapplicabile alla maggior parte delle cripto-attività che, di conseguenza, non sono soggette, alle disposizioni in materia di tutela dei consumatori e degli investitori e di integrità del mercato. A ciò si aggiunga che alcuni Stati membri hanno adottato regole a livello nazionale, contribuendo così a rendere la normativa frammentaria e disorganica.

In sostanza, il principale obiettivo del nuovo Regolamento è quello di uniformare la disciplina dei crypto-asset nel mercato unico, dettando finalmente regole chiare sulle procedure di emissione e negoziazione dei token DLT. L’auspicio è quello di un vantaggio per tutti gli operatori del mercato: non soltanto per i consumatori, ma anche per i provider di servizi e gli emittenti di cryptoasset, i quali potranno fare affidamento su regole chiare e uniformi.

Il testo del Regolamento è disponibile qui: Regolamento-MiCA-Testo-approvato-dal-Parlamento-UE

Torna su
Cerca