PRESENTATA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI L’ASSOCIAZIONE ARTICOLOQUARANTUNO – LA BUONA AMMINISTRAZIONE

IL PROF. MAURO MICCIO, VICEPRESIDENTE, HA COORDINATO L’INCONTRO. E’ INTERVENUTO L’AVV. PIERLUIGI PISELLI

Si è svolto il 15 maggio presso la Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati il Convegno di presentazione dell’associazione ArticoloQuarantuno – La Buona Amministrazione e del suo Manifesto-Programma.
 
Nella convinzione che lo sviluppo del Paese passi anche dalla costruzione di un equilibrato e produttivo rapporto tra cittadino e PA, l’associazione intende farsi promotrice di un virtuoso percorso di collaborazione con le istituzioni, sulla scorta dei valori della “buona amministrazione”, che proprio nell’art. 41 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea trovano il loro elemento costitutivo.  
 
L’obiettivo, dunque, è valorizzare e promuovere il buon funzionamento della macchina fondamentale dello Stato, come hanno spiegato i relatori intervenuti all’evento, tra cui il Founding Partner dello studio Piselli&Partners, Avv. Pierluigi Piselli e l’Of Counsel Prof. Mauro Miccio, in qualità di Vice Presidente dell’associazione.
 
Come sottolineato nel corso dell’evento dalla Presidente , la PA costituisce “l’ossatura della Nazione”, un asse pubblico che deve agire necessariamente insieme al privato “come poli di un unico insieme”: ma per fare ciò, occorre affrontare e risolvere i numerosi problemi che ne minano l’efficienza. 
 
Il primo fra tutti, hanno osservato i relatori Germana Panzironi, Presidente dell’associazione ArticoloQuarantuno, Carla Barbati, Francesco Giorgino, Angelo Lalli, Nicoletta Parisi, Pompeo Savarino, Francesco Verbaro, è sicuramente quello della corruzione, la “ferita profonda” che non solo scoraggia la fiducia da parte del cittadino nei confronti delle istituzioni, ma che mette in dubbio la libera concorrenza economica, in quanto mina il vincolo sociale a cui si affidano le forze vitali del Paese. È vero che il legislatore ha posto sul campo una serie di rimedi, come  la legge “Anti-Corruzione”, ma si tratta di strumenti sufficienti e che soprattutto pesano solo nella fase repressiva e non sull’ indispensabile cambio di cultura civica nel paese e su più continui ed efficaci strumenti di prevenzione.
 
In questo senso, ArticoloQuarantuno – La Buona Amministrazione vuole porsi come laboratorio permanente, “punto di incontro tra le diverse parti, pubblica e privata, per il miglioramento e la maggiore efficienza dell’attività amministrativa”.
Il tutto con proposte concrete, spunti metodologici e riferimenti a best practice, miranti  a contrastare il rischio corruttivo che si annida nei settori più sensibili; un ‘attività, quella di prevenzione e contrasto al malaffare, che deve avvalersi anche del prezioso ruolo delle Autorità Amministrative indipendenti.
 
Dal Vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, che ha portato i saluti istituzionali, è giunto, infine, un vero e proprio appello ad un cambio di registro e di condotta, affinchè vengano demoliti pregiudizi contro il lavoro della PA e dei suoi funzionari e l’Amministrazione torni ad essere il volano dell’Italia.